A NATALE PUOI

A Natale… Puoi portare un sorriso tra la gente

a chi non dorme dentro a un letto e vive senza il tetto

a chi la pace fa sperare tra le bombe da evitare

a chi non ha più denti da mostrare e nessuno a cui parlare

a chi non mangia mai abbastanza e ha perso la fiducia e la speranza

a chi restano poche ore e agonizza all’ospedale

a chi è solo senza i figli

a chi cerca il suo papà e una mamma non ce l’ha

a chi non sogna più a Natale un bel dono puoi portare

dal negozio del tuo cuore che regala tanto amore.

Pabela

http://www.raccontioltre.it/1739/a-natale-puoi/

Poesie fratellanza, pace e multiculturalità

Continua la raccolta di poesie sulla pace  e sulla multiculturalità

FACCIAMO  LA  PACE

In italiano si dice “sì,”

in francese si dice” ouì,”

i tedeschi dicono” ia,”

mentre i russi dicono”da”,

e in tutte le lingue significa questo:

“Facciamo la pace , facciamola presto!”

G. Rodari

………………………………………………………….

Girotondo intorno al mondo

Se tutte le bimbe del mondo,

volessero darsi una mano,

potrebbero intorno ai mari,

fare un bel girotondo.

Se tutti i ragazzi del mondo

fossero bravi marnai,

con le barche farebbero

un bel ponte sulle onde.

Allora si potrebbe fare un girotondo

intorno al mondo,

se tutte le genti del mondo

volessero darsi una mano

P. Fort

………………………………….

IL GIROTONDO DELLA PACE

Guardate noi, siamo felici,

guardate noi, siamo contenti :

tornate tutti un po’ bambini

e il mondo intero cambierà.

A tutti gli uomini vogliamo parlare,

a tutto il mondo un messaggio portare.

Pace , giustizia ci sia quiin terra,

pace e amore in tutti i cuor

da Fanciulli in festa

………………………………………………………………

 

I diritti dei bambini da colorare

Cartelloni, bandierine, striscioni, canzoni  e schede sui DIRITTI DEI BAMBINI al seguente link:http://www.maestragemma.com/Dirittti.htm

I diritti dei bambini:PROTEZIONE e uguaglianza

Il trenino dei diritti

Un lungo trenino nella nostra sezione

sta a ricordare di una bella lezione,

quando intorno ad un mappamondo

abbiamo fatto un girotondo.

Ognuno di noi era un vagoncino,

ci tenevamo per mano come un trenino.

Su ogni vagoncino, così per giocare,

facevamo salire chi voleva girare,

chi voleva con noi in un Paese arrivare

dove c’erano bambini che stavano a guardare.

La cosa più bella che abbiamo notato,

con la fantasia di cui ognuno è dotato,

che tutti i bambini sono tutti uguali

siano essi cinesi, africani o italiani.

Abbiamo girato con grande baldanza

imparando che nel mondo

 ci deve essere uguaglianza.

(Giovanna Corsi)

Casette nel mondo

Nella capanna di creta, il negretto,

dorme alla mamma stretto stretto.

I bambini esquimesi dormono buoni

nella loro casa di freddi mattoni.

In un triangolo tutto colorato

il piccolo indiano dalla mamma è coccolato.

In una casa alta fino al cielo

il bimbo americano dorme sereno.

Il bambino italiano, nella sua casetta,

tiene la mano della mamma stretta stretta.

In ogni casa ci sono i lettini

dove sognare fate e trenini,

nel grattacielo o nella capanna

ci sono bimbi che fanno la nanna.

(Giovanna Corsi)

Al centro dell’attenzione

Sono un bambino ma sono importante

sono protetto da molta gente.

A casa la mamma e con lei il papà

i nonni, le zie, il perché, chi lo sa?

Forse a scuola sarò libero un po’.

Ma che dico! Anche lì non si può.

Ci sono  le maestre, la collaboratrice,

insieme a loro la direttrice.

Ad un lungo suono di campanella

dobbiamo uscire come una catenella.

Andiamo in cortile  tutti quanti in fila

la maestra ci conta dal capofila.

Poi fa l’appello e scrive qualcosa

che poi dà al bidello che raccoglie ogni cosa.

Torniamo in sezione e ci dà spiegazione

abbiamo diritto alla protezione.

Tutti devono essere vigili e attenti

che ai bambini non capiti niente.

(Giovanna Corsi)

http://www.confantasia.it/le_filastrocche_dei_diritti.htm

Il giuramento dei bambini di Madre Teresa di Calcutta

 

Il giorno più bello? OGGI

L’ostacolo più grande? LA PAURA

La cosa più facile? SBAGLIARSI

L’errore più grande? RINUNCIARE

La radice di tutti i mali? L’EGOISMO

La distrazione migliore? IL LAVORO

La sconfitta peggiore? LO SCORAGGIAMENTO
I migliori professionisti? I BAMBINI

Il primo bisogno? COMUNICARE

La felicità più grande? ESSERE UTILI AGLI ALTRI

Il mistero più grande? LA VITA

Il difetto peggiore? IL MALUMORE
La persona più pericolosa? QUELLA CHE MENTE
 
 

Il sentimento più brutto? IL RANCORE

Il regalo più bello? IL PERDONO

Quello indispensabile? LA FAMIGLIA

La rotta migliore? LA VIA GIUSTA

La sensazione più piacevole? LA PACE INTERIORE

L’accoglienza migliore? IL SORRISO

La miglior medicina? L’OTTIMISMO

La soddisfazione più grande? IL DOVERE COMPIUTO
La forza più grande? LA FEDE

La cosa più bella del mondo? L’AMORE
Madre Teresa di Calcutta
Altre poesie sulla pace e i diritti dei bambini:http://126maestramaria.wordpress.com/2010/10/25/364/

La marcia dei diritti

La marcia dei diritti

Un-due, un-due, un-due, un-due.
È la marcia dei diritti dei bambini.
Della Carta dei Diritti dei bambini… Marsch!

Ho aperto un libricino
e ho letto che un bambino
da mangiare non ce l’ha.
E c’è chi non ha da bere
con il rischio di morire:
senza acqua come fa?
Ma come fanno, io non ci credo.
Non si può fare, io non ci credo.

Ho sfogliato bene bene
quelle foto di bambine
invecchiate dal lavoro.
E di quelli senza un tetto
e di quelli senza affetto
senza un poco di decoro.
Ma come fanno, io non ci credo.
Non si può fare, io non ci credo. Non si può.

I diritti sono di tutti,
l’ha spiegato la maestra
c’è una carta scritta apposta
per difendere i bambini.
Tutti i capi delle nazioni
hanno fatto le riunioni:
hanno detto e hanno scritto
sui diritti dei bambini
Allora perché? Allora perché?

Quando gioco al girotondo,
penso che su questo mondo
c’è qualcosa che non va.
Che ci sono dei bambini,
sulle strade abbandonati
senza mamma né papà.
Ma come fanno, io non ci credo.
Non si può fare, io non ci credo.

Poi da un’altra parte ancora
c’è chi non può andare a scuola.
Chi giocattoli non ha.
E c’è pure chi si ammala
e gli manca quella cura
che il suo medico non ha.
Ma come fanno, io non ci credo.
Non si può fare, io non ci credo. Non si può.

I diritti sono di tutti,
l’ha spiegato la maestra
c’è una carta scritta apposta
per difendere i bambini.
Tutti i capi delle nazioni
hanno fatto le riunioni:
hanno detto e hanno scritto
sui diritti dei bambini.
Allora perché? Allora perché?
Allora perché?

C’è un bambino che lavora,
chi subisce una tortura.
Chi è venduto come schiavo.
Chi è costretta per le strade
già per vendere l’amore
da qualcuno assai cattivo.
Ma come fanno, io non ci credo.
Non si può fare, io non ci credo.

C’è chi muore appena nato:
non è stato vaccinato.
C’è chi cresce malnutrito.
C’è chi viene emarginato,
c’è chi un handicap ha avuto.
C’è chi viene malmenato.
Ma come fanno, io non ci credo.
Non si può fare, io non ci credo. Non si può.

I diritti sono di tutti,
l’ha spiegato la maestra
c’è una Carta scritta apposta
per difendere i bambini.
Tutti i capi delle nazioni
hanno fatto le riunioni:
hanno detto e hanno scritto
sui diritti dei bambini
Con la Carta, il futuro migliore sarà.

Un-due, un-due, un-due, un-due.
È la marcia dei diritti dei bambini.
Della Carta dei Diritti dei bambini.

Dallo spettacolo “Hanno ragione i bambini” – Testo e musiche di Francesco Rinaldi – Paoline Editoriale Audiovisivi, Roma, 2000

 

Altre poesie e filastrocche sui Diritti dell’ infanzia e sulla pace al seguente indirizzo :http://126maestramaria.wordpress.com/2010/10/25/364/

………………………………….

Giornata mondiale dedicata ai Diritti dell’ infanzia

Questo slideshow richiede JavaScript.

Giornata mondiale dei “DIRITTI DEL BAMBINO”

La Convenzione ONU sui Diritti dell’infanzia è il più completo ed importante strumento normativo internazionale di promozione e tutela dei diritti dell’infanzia.
È entrata in vigore il 2 Settembre 1990 dopo essere stato approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 Novembre del 1989.
Esprime un largo consenso su quali siano gli obblighi degli Stati e della comunità internazionale nei confronti dell’infanzia e codifica e sviluppa in maniera significativa le norme internazionali applicabili ai bambini.
Tutti i paesi del mondo (eccetto Somalia e Stati Uniti) hanno ratificato questa Convenzione.
La Convenzione è stata ratificata dall’Italia il 27 maggio 1991 con la legge n. 176.
Oggi aderiscono alla Convenzione 193 Stati, un numero che supera quello degli Stati membri dell’ONU.
La Convenzione è composta da 54 articoli e da due Protocolli opzionali[1]
La Convenzione è uno strumento giuridico vincolante per gli Stati che la ratificano e un riferimento dove è evidente ogni sforzo compiuto in cinquant’anni di difesa dei diritti dei bambini.  http://it.wikipedia.org/wiki/Convenzione_internazionale_sui_diritti_dell’infanzia

Clicca sull’ immagine

                                 www.toysblog.it/post/4292/i-diritti-dei-bambini-da-colorare

Altro link  http://www.cosepercrescere.it/schede-da-colorare-sui-diritti-del-bambino/ con schede didattiche per spiegare ai bambini i diritti dell’ infanzia

Poesie sulla legalità

L’ AMICIZIA

Siam bambini siam piccini

ci vogliamo tanto bene

e anche quando litighiamo

noi scherziamo e poi giochiamo.

Se qualcuno u po’ furbetto

vuole farci un dispetto,

gli chiediamo di provare

per un po’ con noi a giocare

e di certo lui vorrà

far dei giochi in società

da Filastrocche per un anno,Antonella Cozzo

————————————–

Avere un amico 

 

È tanto bello quando si è amici,

giocare insieme,

sentirsi felici.

Col mio amico è bello parlare

aver mille segreti da raccontare

e ridere insieme

ridere assai

i motivi per ridere non mancano mai.

Certo, a volte può capitare

di ritrovarsi a litigare

e in quei momenti dirsi:Addio,

tu non sei più amico mio!

Presto però lo vai ad abbracciare

senza di lui non sai proprio stare.

E ancor per mano contenti e felici

camminano insieme i veri amici.

(G.Fujikawa)

 

————————————–

Filastrocca dell’amicizia

 

Dice un proverbio dei tempi andati:

“Meglio soli che male accompagnati”.

Io ne so uno più bello assai:

“In compagnia lontano vai”.

Dice un proverbio, chissà perchè,

“Chi fa da sè, fa per tre”.

Da questo orecchio io non ci sento:

“Chi ha cento amici, fa per cento”.

Dice un proverbio con la muffa:

“Chi sta da solo non fa baruffa”.

Questa io dico, è una bugia:

“Se siamo in tanti, si fa allegria”.

(Gianni Rodari)

————————————–

LI’ C’ E’ PACE

 

In un sorriso sereno,

nei colori dell’ arcobaleno.

Nella mano che si tende,

in chi non s arrende:

In un gesto di umiltà

per chi dona felicità:

In chi sa perdonare

e non smette mai di amare.

Nelle parole sincere,

in un cuore senza barriere.

Negli occhi tuoi, bambino,

in chi ti sta vicino.

Lì c’è pace

da Scuola Materna

 

——————-

Girotondo dell’ amicizia

 

Girotondo di bambini

furbi, allegri, birichini,

tutti intorno al vecchio mondo…..

girotondo, girotondo.

c’è un biondino

c’ è un negretto,

un bambino giapponese,

c’è un allegro pellirossa.

un cinese col codino,

e perfino un esquimese,

che sgambettano felici,

tutti in pace, tutti amici.

Girotondo della pace,

girotondo dell’ amore,

tutti intorno al vecchio mondo….

girotondo, girotondo.

Ed.  TRESEI

Loschi- Coppola

———————————————————

Aprimi fratello

di René Philombé

Ho bussato alla tua porta
ho bussato al tuo cuore
per avere un letto
per avere del fuoco
perché mai respingermi ?
Aprimi fratello !

Perché domandarmi
se sono dell’Africa
se sono dell’America
se sono dell’Asia
se sono dell’Europa ?
Aprimi fratello !

Perché domandarmi 
quant’è lungo il mio naso
quant’è spessa la mia bocca
di che colore ho la pelle
che nome hanno i miei dèi ?
Aprimi fratello !

Io non sono nero
io non sono rosso
io non sono giallo
io non sono bianco
non sono altro che un uomo.
Aprimi fratello !

Aprimi la porta 
aprimi il tuo cuore
perché sono un uomo
l’uomo di tutti i tempi
l’uomo di tutti i cieli
l’uomo che ti somiglia 

————————————–

Il trenino dei diritti

 

Un lungo trenino nella nostra sezione

sta a ricordare di una bella lezione,

quando intorno ad un mappamondo

abbiamo fatto un girotondo.

Ognuno di noi era un vagoncino,

ci tenevamo per mano come un trenino.

Su ogni vagoncino, così per giocare,

facevamo salire chi voleva girare,

chi voleva con noi in un Paese arrivare

dove c’erano bambini che stavano a guardare.

La cosa più bella che abbiamo notato,

con la fantasia di cui ognuno è dotato,

che tutti i bambini sono tutti uguali

siano essi cinesi, africani o italiani.

Abbiamo girato con grande baldanza

imparando che nel mondo

 ci deve essere uguaglianza.

(Giovanna Corsi)

——————————————————————-

Casette nel mondo

 

Nella capanna di creta, il negretto,

dorme alla mamma stretto stretto.

I bambini esquimesi dormono buoni

nella loro casa di freddi mattoni.

In un triangolo tutto colorato

il piccolo indiano dalla mamma è coccolato.

In una casa alta fino al cielo

il bimbo americano dorme sereno.

Il bambino italiano, nella sua casetta,

tiene la mano della mamma stretta stretta.

In ogni casa ci sono i lettini

dove sognare fate e trenini,

nel grattacielo o nella capanna

ci sono bimbi che fanno la nanna.

(Giovanna Corsi)

——————————————————————————-

Al centro dell’attenzione

 

Sono un bambino ma sono importante

sono protetto da molta gente.

A casa la mamma e con lei il papà

i nonni, le zie, il perché, chi lo sa?

Forse a scuola sarò libero un po’.

Ma che dico! Anche lì non si può.

Ci sono  le maestre, la collaboratrice,

insieme a loro la direttrice.

Ad un lungo suono di campanella

dobbiamo uscire come una catenella.

Andiamo in cortile  tutti quanti in fila

la maestra ci conta dal capofila.

Poi fa l’appello e scrive qualcosa

che poi dà al bidello che raccoglie ogni cosa.

Torniamo in sezione e ci dà spiegazione

abbiamo diritto alla protezione.

Tutti devono essere vigili e attenti

che ai bambini non capiti niente.

(Giovanna Corsi)

http://www.confantasia.it/le_filastrocche_dei_diritti.htm

——————————————————————————————–

IL GIURAMENTO DEI BAMBINI

 

Il giorno più bello? OGGI

 

L’ostacolo più grande? LA PAURA

 

La cosa più facile? SBAGLIARSI

 

L’errore più grande? RINUNCIARE

 

La radice di tutti i mali? L’EGOISMO

 

La distrazione migliore? IL LAVORO

 

La sconfitta peggiore? LO SCORAGGIAMENTO

 

 

I migliori professionisti? I BAMBINI

 

Il primo bisogno? COMUNICARE

 

La felicità più grande? ESSERE UTILI AGLI ALTRI

 

Il mistero più grande? LA VITA

 

Il difetto peggiore? IL MALUMORE

 

La persona più pericolosa? QUELLA CHE MENTE

 

 

Il sentimento più brutto? IL RANCORE

 

Il regalo più bello? IL PERDONO

 

Quello indispensabile? LA FAMIGLIA

 

La rotta migliore? LA VIA GIUSTA

 

La sensazione più piacevole? LA PACE INTERIORE

 

L’accoglienza migliore? IL SORRISO

 

La miglior medicina? L’OTTIMISMO

 

La soddisfazione più grande? IL DOVERE COMPIUTO

 

La forza più grande? LA FEDE

 

La cosa più bella del mondo? L’AMORE

Madre Teresa di Calcutta

——————————————————————————

IL GELATO A COLORI

 

Dice la mamma bianca:

“Arriva l’ uomo vucumprà:

ti mangia e se ne va”.

Dice la mamma nera:

“Arriva l’ uomo bianco col cappotto:

Ti mangia crudo e cotto”.

E io che sono bianco,

ho amici colorati:

ci sediamo di fianco,

e mangiamo gelati.

( Da Rimelandia)

 —————————————————————————————–

TUTTI  FRATELLI

 

E’ vero che di fuori

gli uomini sono di tanti colori:

neri,bianchi,gialli così così.

Ma dentro siamo uguali

come tanti gemelli,

da Pechino a Canicattì

siamo tutti fratelli

(G. Rodari )

——————————————————————————————

DOPO LA NOTTE

 

Dopo la notte c’è il mattino,

dopo il sonno c’è il risveglio,

dopo il bene c’è anche il meglio.

Dopo il nuvolo c’è la pioggia,

dopo la pioggia c’è il sereno,

dopo la tempesta l’ arcobaleno.

Dopo il fuoco c’è la cenere,

c’è la semina dopo l’ aratura,

la guarigione dopo la cura.

Dopo il girino c’è la rana,

dopo la sorgente c’è la foce,

si sente l’ eco dopo la voce.

Dopo il primo c’è il secondo, 

c’è settembre dopo agosto,

dopo l’ uva viene il mosto.

Dopo la via c’è la partenza,

c’è la caduta dopo il salto,

dopo un piede c’ è quell’ altro.

Dopo il dolore c’è la speranza;

ci sia pace dopo la guerra

senza mai un “dopo” su tutta la Terra

N. Vicini, Un nuovo mondo, La Sorgente

-—————————————————————————————–

Girotondo

 

 Otto bambini si tengono per mano:

saltano, giocano, fanno baccano;

Corrono in fila stretti in catena,

volano insieme sull ‘ altalena

nessuno la mano dell’ altro molla,

appiccicati son con la cola;

se cade uno, cadon di sotto

insieme tutti dall ‘ uno all’ otto.

Ma ogni bambino rimane sano:

porta fortuna tenersi per mano.

L.Martini, Amico di scuola,

La vita Scolastica

——————————————————————————————

Guardate noi

 

Guardate noi, siamo felici,

guardate noi, siamo contenti:

tornate tutti un pò bambini

e il mondo intero cambierà.

A tutti gli uomini vogliamo parlare,

a tutto il mondo un messaggio portare:

pace, giustizia ci sia qui interra,

pace e amor in tutti i cuori

da Fanciulli in festa

——————————————————————————————

Vorrei

 

Vorrei fare un girotondo

con tutti i bambini del mondo.

Vorrei che il bambino giallo come un limone

desse la mano al bambino arancine.

Vorrei che il bambino nero come la sera

desse la mano alla bambina più sincera.

Vorrei che il bambino bianco come la neve

stesse insieme al bambino albanese.

Vorrei che il bambino un pò arrabbiato

fosse contento col bambino croato.

vorrei…vorrei insomma…

vorrei

che il mondo fosse un gran giardino

dove tutti i bambini giocano a nascondino

perché un bambino mi ha detto che in fondo

al cuore

c’è un solo calore… quello dell’ amore.

da Viaggio tra poesie e immagini,

Direzione didattica statale di  Chiampo (VI),

alunni di IV

-—————————————————————————————–

Giuramento dell’amicizia

 

Tutti per uno, uno per tutti
È questo il patto che noi giuriamo nei giorni belli,
negli anni brutti
Tutte le foglie da un unico ramo
E tutti i fiumi in un solo mare
Tutte le forze in un solo braccio
E questo braccio ce la può fare
Voi ce la fate se io ce la faccio
Perché non resti più indietro nessuno:
Uno per tutti, tutti per uno.
(Bruno Togliolini)

——————————

La pace è una conquista

La pace incomincia da te,

il suo conseguimento richiede addestramento,

richiede educazione,

richiede formazione,

richiede impegno,

richiede prevenzione,

richiede cooperazione,

richiede molte altre qualità

mirate alla non violenza.

la pace è conquista,

ma prima la conquista

deve avvenire nella mente,

poi nel cuore e nella coscienza.

la pace è cosa ragionevole,

è cultura, non è utopia,

ma una via praticabile.

(Renato Caldon)

————————————————————————————————————————

 

Diritto di essere bambino

 

Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare

chiedo un sorriso di chi sa amare

chiedo un papà che mi abbracci forte

chiedo un bacio e una carezza di mamma.

Io chiedo il diritto di essere bambino

di essere speranza di un mondo migliore

chiedo di poter crescere come persona

Sarà che posso contare su di te?

chiedo una scuola dove posso imparare

chiedo il diritto di avere la mia famiglia

chiedo di poter vivere felice,

chiedo la gioia che nasce dalla pace

Chiedo il diritto di avere un pane,

chiedo una mano

Che m’ indichi il cammino

NON SAPREMO MAI QUANTO BENE  PUO’ FARE

UN SEMPLICE SORRISO

(MADRE TERESA DI CALCUTTA)

———————————————————————————————————————–

IL MONDO SIAMO NOI

 

Siamo diversi e questo a noi piace

Speriamo che nel mondo ci sia la pace.

Di tanti colori noi siamo,

anche se lontani, ci aiutiamo.

Alcuni sono gialli come il limone

altri neri come il carbone.

Siamo diversi nel modo di vestire,

siamo diversi nel modo di capire,

siamo diversi nel modo di parlare,

siamo diversi nel modo di amare.

Tutti fratelli diventeremo

se il nostro cuore apreiremo,

al ricco, al povero e allo sfortunato

auguriamo un mondo d’ amore smisurato.

Teniamoci per mano

tutti insieme cammineremo piano piano.

voglio cambiare il mondo

formare un bel girotodo

eliminare la guerra e la povertà

regalare a tutti la felicità.

Rid:”da Viaggio tra poesia e immagine.Direzione didattica di Chiampo(VI)

——————————————————————————————

Il mondo

 

Voglio parlarvi del nostro 

meraviglioso, grande rotondo

mondo abitato da grandi e piccini

mondo di mamme, papà e bambini.

Un mondo fatto di tanti paesi

Piccoli o molto estesi,

diversi per lingue e usanze.

Ogni Paese ha le proprie danze

E piatti tipici,giochi e canti,

per questo sono proprio tanti

i giochi e i canti di tutto il mondo

meraviglioso, grande e rotondo.

Giochi cantati diversi e bellissimi

arebbe bello scoprirne tantissimi!

Perciò da che terra possiamo partire

Se canti e giochi vogliamo scoprire?

Africa, America, Asia, Australia?

O dall’ Europa con dentro l’ Itaia?

Si| dall’ Europa che è più vicina

per poi spostarci…..fino alla Cina

Paola Lovisolo

 —————————————————————————————–

 La filastrocca del vero amico

Lo sai cosa vuol dire essere amici?

Vuol dire che non mi tradisci mai

Che io ci credo, a tutto ciò che dici

Che io mi fido, di tutto ciò che fai

Vuol dire fare insieme tanta strada

Vuol dire che qualunque cosa accada

Io da te non m’aspetto nessun male.

È questo, amico mio: mai nessun male.

(Bruno Togliolini)

—————————– 

 

UN PAESE BELLISSIMO

(testo di A.Galliano)

 

 

Ci sarà

un paese bellissimo,ci sarà, ci sarà.

E noi l’ abbiamo disegnato

nella fantasia:

Vogliamo che ci sia, che ci sia!

 

Un paese bellissimo:

dove le case parlano,

dove i giardini ridono

quando i bambini giocano.

 

Dove le piazze ballano

dove le torri suonano

e dove i merli ascoltano

quando i bambini cantano,

cantano, cantano, cantano.

 

Ci sarà una volta…..

 

Un paese bellissimo

dove le rane pensano,

dove le piante crescono,

quando i bambini dormono……

 

Dove loe stelle pregano

dove le mamme vegliano

e dove i lupi tacciono

quando i bambini sognano,

sognano,sognano,sognano,sognano!

 

 

la la la la, ci sarà

la la la la, cisarà

la la la la, un paese bellissimo

 

Un paese bellissimo

dove i cavalli danzano,

dove le strade a spettano

quando i bambini arrivano….

Dove le spiagge incantano,

dove i gabbiani si amano

e dove i pesci guardano

quando i bambini volano,

volano, volano, volano.

 

Ci sarà una volta…..

 

Un paese bellissimo.

La la la la,la la la la.

Un paese bellissimo.

Un paese bellissimo.

 

———————————————————————————————————————– 

Ecco i diritti del bambino da colorare: 

diritto all vita,ad un nome,ad una nazionalità,alle cure, all’ amore ecc ecc.

———————————————————————————————————————–

LA VIOLA DELL’ AMORE

 

Nel prato spunta una viola alza la testa e chiede amore.

Ma cosa vede?…

Guerra,…Distruzione,…egoismo

e rancore

Si volge al sole

e chiede

<Dove è andato a finire il candore?>

E il sole risponde

<Cerca ancora che lo trovi…

Guarda bene dentro ai cuori,

e vedrai fiorire l’ amore>

 

M.G.

——————————————————————————————

 

PACE

 

Senza egoismo,

senza cattiveria e rancore

senza distinzione nè di razza nè di colore.

Ma stare insieme

con complicità, sincerità, lealtà,

amicizia e amore

M.G.

———————————————————————————————————————–

Diverso

 

Parola che scotta la lingua: egoismo.

Parola che brucia la bocca: razzismo.

Tra tante parole simpatiche e belle

razzismo e egoismo son certo sorelle.

Due brevi parole, due squallidi mali:

voler che i diversi diventino uguali.

“Diversa cultura, diverso colore,

diversa la razza, diverso l’odore…

 Mi danno fastidio, cacciateli via:

la terra che pestano, in fondo, è la mia

e se c’è qualcuno che stare qui osa

deve essere uguale!” – Ma uguale a che cosa?

Diverso è ricchezza, non certo un delitto:

la terra è di tutti, l’ho detto e l’ho scritto.

“Non ho mai sentito una cosa più sciocca:

non dire scemenze e chiudi la bocca!”

L’assurda pretesa che tutto sia uguale

vi rende la vita noiosa e banale.

Aprite le porte, aprite la mente:

diverso è più allegro, è più divertente!

Volete che il mondo sia senza colori,

sia grigio di dentro e grigio di fuori,

perciò io concludo con l’ultimo verso:

evviva i colori, evviva il diverso!

 Elio Giacone

——————————————————————————————

LETTERA AI BAMBINI

” E’ difficile fare le cose difficili:

parlare al sordo,mostrare la rosa al cieco.

bambini,imparate a fare le cose difficili:

dare la mano al cieco, cantare per il sordo,

liberate gli schiavi che si credono liberi”

           G.Rodari

 

——————————————————————————————

Le voci dei bimbi

 

Le voci dei bimbi il vento raccoglie

e poi le sparpaglia tra i rami e le foglie

di alberi antichi, con grosse radici

che sanno ascoltare le cose che dici

per poi raccontarle, giù… giù… nel profondo

al Cuore che batte al centro del mondo.

 

Se un bimbo sorride, sorride anche il Cuore

ed ecco spuntare in un prato un bel fiore.

Se un bimbo è felice, il Cuore è contento

e nascon farfalle che danzan col vento.

 

Ma, a volte, le risa diventano pianti:

le lacrime scendono, calde e pesanti,

colpiscon la Terra che trema, impaurita,

vedendo la morte mischiarsi alla vita.

Ossezia, Israele, Iraq, Palestina…

tra bombe e fucili la morte cammina,

portando con sé ceceni, afghani

e tanti, tantissimi bimbi africani!

 

Bombardano, sparano e parlan di pace,

al Cuore del mondo ‘sta cosa non piace:

“Se di odio e violenza riempite la Terra,

non siate bugiardi: chiamatela guerra!

La pace è sorridere, darsi la mano,

dormire tranquilli, guardare lontano

e in fondo vedere, nel cielo sereno,

i sette colori dell’arcobaleno.

 

 Soltanto se spargi la voglia di amare

il vento sorride e può allora portare

agli alberi antichi e alle loro radici

le voci ed i sogni di bimbi felici!”  

                                              Elio Giacone

———————————————————————————————————————–

Inno alla vita

 

La vita è un’opportunità, coglila.

La vita è bellezza, ammirala.

La vita è beatitudine, assaporala.

La vita è un sogno, fanne realtà.

La vita è una sfida, affrontala.

La vita è un dovere, compilo.

La vita è un gioco, giocalo.

La vita è preziosa, abbine cura.

 

La vita è ricchezza, valorizzala.

La vita è amore, vivilo.

La vita è un mistero, scoprilo.

La vita è promessa, adempila.

 

La vita è tristezza, superala.

La via è un inno, cantalo.

La vita è una lotta, accettala.

La vita è un’avventura, rischiala. La vita è la vita, difendila.

Madre Teresa di Calcutta

———————————————————————————————————————–

I diritti dei bambini

 

I bambini giocano con la sabbia

e qualcuno si arrabbia.

I bambini gocano con il sole

e qualcuno non vuole.

I bambini giocano con la voce

e qualcuno si fa feroce.

i bambini giocano con la festa

e qualcuno protesta.

(R.Piumini)

———————————————————————————————————————-

Bianco con il giallo

 

Prendi una matita gioca coi colori

non aver paura di metterli vicini

di maschiarli tutti sotto un solo cielo

come dei bambini all’uscita dell’asilo.

Prendi un foglio bianco e disegna il mondo

con dei grandi prati e il mare sullo sfondo

non importa molto se non è rotondo

quello che è importante è la gente che ci sta.

Gente che sappia dare amore

alla gente che amore non ne ha

senza guardare mai al colore che la sua pelle ha.

Rit:

Bianco con il giallo trova suo fratello

giallo con il nero ed è un amico vero

verde con il viola vanno insieme a scuola

l’arancione e il blu che si danno già del tu.

Bianco contro il nero e il mondo resta a zero

azzurro contro il rosso cadono nel fosso

blu senza il marrone e il cuore è già in prigione

non c’è ragione che debba stare là

Prendi una matita gioca coi colori

non aver paura di metterli vicini

di maschiarli tutti sotto un solo cielo

come dei bambini all’uscita dell’asilo.

Fai un universo fallo un pò diverso

fai le stelle azzurre e il cielo tutto giallo

fai anche le piante con le radici in cielo

quello che è importante è la gente che ci sta.

Gente che sappia dare amore

alla gente che amore non ne ha

senza guardare mai al colore che la sua pelle ha.

Rit:

Bianco con il giallo trova suo fratello

giallo con il nero ed è un amico vero

verde con il viola vanno insieme a scuola

l’arancione e il blu che si danno già del tu.

Bianco contro il nero e il mondo resta a zero

azzurro contro il rosso cadono nel fosso

blu senza il marrone e il cuore è già in prigione

non c’è ragione che debba stare là

Cheope – R. Pareti

—————————————————————————

Goccia dopo goccia

 

Cos’è una goccia d’acqua, se pensi al mare

Un seme piccolino di un melograno

Un filo d’erba verde in un grande prato…

Una goccia di rugiada, che cos’è?

Il passo di un bambino, una nota sola,

Un segno sopra un rigo, una parola?

Qualcuno dice « un niente», ma non è vero

Perché, lo sai perché, lo sai perché?

Goccia dopo goccia nasce un fiume,

Un passo dopo l’altro si va lontano,

Una parola appena e nasce una canzone,

Da un «ciao» detto per caso, un’amicizia nuova;

E se una voce sola si sente poco,

Insieme a tante altre diventa un coro

E ognuno può cantare, anche se è stonato;

Dal niente nasce niente, questo sì.

Non è importante se non siamo grandi

Come le montagne, come le montagne;

Quello che conta è stare tutti insieme

Per aiutare chi non ce la fa,

Per aiutare chi non ce la fa.

Goccia dopo goccia..

Goccia dopo goccia nasce nasce un fiume

E mille fili d’erba fanno un prato

Una parola solo ed ecco una canzone

Da un “Ciao” detto per caso un’amicizia ancora;

Un passo dopo l’altro si va lontano

Arriva fino a dieci poi sai contare

Un grattacielo immenso comincia da un mattone

Dal niente nasce niente, questo sì.

Non è importante se non siamo grandi

Come le montagne, come le montagne

Quello che conta è stare tutti insieme;

Per aiutare chi non ce la fa.

Non è importante se non siamo grandi

Come le montagne, come le montagne

Quello che conta è stare tutti insieme;

Dal niente nasce niente, questo sì.

Dal niente nasce niente, tutto qui!

Stiamo tutti insieme, questo sì.

Dal niente nasce niente, tutto qui!

E. Di Stefano – G. Fasano – Cantata da Marco Barbera, Alex Rossi e Natascia Tarturo

——————————————————————

PER UN AMICO

 

S: Un vero amico chi è?

E’ quello che non lascia mai,

Un vero amico ha qualcosa che poi

Gli manca se tu te ne vai.

Un vero amico si sa

Aiuta e non chiede perché

Ma se per caso si mette nei guai

Tu lascia tutto e corri da lui.

S: Per un amico metti su il sorriso più grande che hai

C: Più grande che hai

Prova a fare sempre tutto quello che puoi,

Quello che puoi

Un amico vero non lo scorderai mai

C: Se pensi che sia giusto non far caso a tutto il resto.

S: Un amico è il bene più prezioso che hai

C: Il bene che hai

Ogni cosa è meno bella senza lui

Senza lui

Un amico vero non ti lascerà mai

Non fare caso al resto

C: Per un amico questo ed altro.

S: Con un amico però

A volte si litiga, sai

Ma una parola, una stretta di mano

Non può partire sempre da lui.

Per un amico metti su il sorriso più grande che hai

C: Più grande che hai

Tiri sempre il cuore in ballo, fra di voi

Fra di voi

Un amico vero non lo perderai mai

Tu lascia stare il resto

C: Per un amico questo ed altro.

S: E’ un’ avventura che se vuoi,

Può non finire mai

C: Quando incontri un altro bambino

S+C: Hai un amico vicino e così…

S: Per quell’ amico

C: Metti su il sorriso più grande che hai

S: Più grande che hai

Prova a fare sempre tutto quello che puoi,

Quello che puoi

E’ un amico vero e non lo scorderai mai

S+C: Se pensi che sia giusto non far caso a tutto il resto

C: Na na na

S+C: Un amico vero non lo perderai mai

S: Tu lascia stare il resto

Perché un amico è tutto questo.

C: Na na na na na

S: Perché un amico è tutto questo.

(M. Iardella – C. Farina)

———————————————————————————-

La marcia dei diritti

 

Un-due, un-due, un-due, un-due.

È la marcia dei diritti dei bambini.

Della Carta dei Diritti dei bambini… Marsch!

Ho aperto un libricino

e ho letto che un bambino

da mangiare non ce l’ha.

E c’è chi non ha da bere

con il rischio di morire:

senza acqua come fa?

Ma come fanno, io non ci credo.

Non si può fare, io non ci credo.

Ho sfogliato bene bene

quelle foto di bambine

invecchiate dal lavoro.

E di quelli senza un tetto

e di quelli senza affetto

senza un poco di decoro.

Ma come fanno, io non ci credo.

Non si può fare, io non ci credo. Non si può.

I diritti sono di tutti,

l’ha spiegato la maestra

c’è una carta scritta apposta

per difendere i bambini.

Tutti i capi delle nazioni

hanno fatto le riunioni:

hanno detto e hanno scritto

sui diritti dei bambini

Allora perché? Allora perché?

Quando gioco al girotondo,

penso che su questo mondo

c’è qualcosa che non va.

Che ci sono dei bambini,

sulle strade abbandonati

senza mamma né papà.

Ma come fanno, io non ci credo.

Non si può fare, io non ci credo.

Poi da un’altra parte ancora

c’è chi non può andare a scuola.

Chi giocattoli non ha.

E c’è pure chi si ammala

e gli manca quella cura

che il suo medico non ha.

Ma come fanno, io non ci credo.

Non si può fare, io non ci credo. Non si può.

I diritti sono di tutti,

l’ha spiegato la maestra

c’è una carta scritta apposta

per difendere i bambini.

Tutti i capi delle nazioni

hanno fatto le riunioni:

hanno detto e hanno scritto

sui diritti dei bambini.

Allora perché? Allora perché?

Allora perché?

C’è un bambino che lavora,

chi subisce una tortura.

Chi è venduto come schiavo.

Chi è costretta per le strade

già per vendere l’amore

da qualcuno assai cattivo.

Ma come fanno, io non ci credo.

Non si può fare, io non ci credo.

C’è chi muore appena nato:

non è stato vaccinato.

C’è chi cresce malnutrito.

C’è chi viene emarginato,

c’è chi un handicap ha avuto.

C’è chi viene malmenato.

Ma come fanno, io non ci credo.

Non si può fare, io non ci credo. Non si può.

I diritti sono di tutti,

l’ha spiegato la maestra

c’è una Carta scritta apposta

per difendere i bambini.

Tutti i capi delle nazioni

hanno fatto le riunioni:

hanno detto e hanno scritto

sui diritti dei bambini

Con la Carta, il futuro migliore sarà.

Un-due, un-due, un-due, un-due.

È la marcia dei diritti dei bambini.

Della Carta dei Diritti dei bambini.

Dallo spettacolo “Hanno ragione i bambini” – Testo e musiche di Francesco Rinaldi – Paoline Editoriale Audiovisivi, Roma, 2000

————————————————————-

FACCIAMO  LA  PACE

 

In italiano si dice “sì,”

in francese si dice” ouì,”

i tedeschi dicono” ia,”

mentre i russi dicono”da”,

e in tutte le lingue significa questo:

“Facciamo la pace , facciamola presto!”

G. Rodari

………………………………………………………….

Girotondo intorno al mondo

 

Se tutte le bimbe del mondo,

volessero darsi una mano,

potrebbero intorno ai mari,

fare un bel girotondo.

Se tutti i ragazzi del mondo

fossero bravi marnai,

con le barche farebbero

un bel ponte sulle onde.

Allora si potrebbe fare un girotondo

intorno al mondo,

se tutte le genti del mondo

volessero darsi una mano

P. Fort

………………………………….

La pelle

 

Pelle bianca come la cera,

Pelle nera come la sera,

pelle arancione come il sole,

pelle gialla come il limone

tanti colori come i fiori.

Di nessuno puoi fare a meno

per disegnare l’ arcobaleno.

chi un solo colore amerà

un cuore grigio sempre avrà.

M. Argilli, Fiabe di cento colori,

Editori riuniti

………………………………………………………………

PREGHIERA

 

Fa’ che io ami

gli animal, le piante.

Fa’ che io possa 

dividere il mio pane

con chi ha fame, che possa

dividere la mia acqua

con chi ha sete, che posa

far sorridere chi piange;

che possa ospitare

chi non ha casa.

Fa’ che io possa

fare tutto questo,

o Signore,  perchè  solo così

mi sentirò vicino a te

Preghiera indiana

SCUOLE APERTE :CULTURE A CONFRONTO III CIRCOLO DIDATTICO CAIVANO

    
         

 
 

 
 
 I DIRITTI DEI BAMBINI:VIGNETTE COLORATE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

AUGURI

AUGURI DI BUONA PASQUA A TUTTI

Variopinto gruppo di ragazzi all’ insegna del buonumore!!

                                                               SIAmo diversi Abilitato a salvare

IL MONDO

Il mondo

Voglio parlarvi del nostro 
          Meraviglioso, grande rotondo
mondo abitato da grandi e piccini
mondo di mamme, papà e bambini.
Un mondo fatto di tanti paesi
Piccoli o molto estesi,
diversi per lingue e usanze.
Ogni Paese ha le proprie danze
E piatti tipici,giochi e canti,
per questo sono proprio tanti
i giochi e i canti di tutto il mondo
meraviglioso, grande e rotondo.
Giochi cantati diversi e bellissimi
arebbe bello scoprirne tantissimi!
Perciò da che terra possiamo partire
Se canti e giochi vogliamo scoprire?
Africa, America, Asia, Australia?
O dall’ Europa con dentro l’ Itaia?
Si| dall’ Europa che è più vicina
per poi spostarci…..fino alla Cina
Paola Lovisolo
 
 
 
UN PAESE BELLISSIMO
(testo di A.Galliano)
 
 
Ci sarà
un paese bellissimo,ci sarà, ci sarà.
E noi l’ abbiamo disegnato
nella fantasia:
Vogliamo che ci sia, che ci sia!
 
Un paese bellissimo:
dove le case parlano,
dove i giardini ridono
quando i bambini giocano.
 
Dove le piazze ballano
dove le torri suonano
e dove i merli ascoltano
quando i bambini cantano,
cantano, cantano, cantano.
 
Ci sarà una volta…..
 
Un paese bellissimo
dove le rane pensano,
dove le piante crescono,
quando i bambini dormono……
 
Dove loe stelle pregano
dove le mamme vegliano
e dove i lupi tacciono
quando i bambini sognano,
sognano,sognano,sognano,sognano!
 
 
la la la la, ci sarà
la la la la, cisarà
la la la la, un paese bellissimo
 
Un paese bellissimo
dove i cavalli danzano,
dove le strade a spettano
quando i bambini arrivano….
Dove le spiagge incantano,
dove i gabbiani si amano
e dove i pesci guardano
quando i bambini volano,
volano, volano, volano.
 
Ci sarà una volta…..
 
Un paese bellissimo.
La la la la,la la la la.
Un paese bellissimo.
Un paese bellissimo.
 
 

Ecco i diritti del bambino da colorare: 

diritto all vita,ad un nome,ad una nazionalità,alle cure, all’ amore ecc ecc.

AUGURI

BUONA PASQUA
 
 
 
Frohe Ostern
 
 

Счастливой Пасхи
 
 

 

 

Joyeuses Pâques
 

ハッピーイースター
 
Felices Pascuas
 
 
عيد فصح سعيد
 
Happy Easter
 
复活节快乐
 
 
SERENITA’ A TUTTI
 
L’ ABRUZZO NEL  CUORE DEGLI  ITALIANI
 

PACE

  
 
LA VIOLA DELL’ AMORE

Nel prato spunta una viola
alza la testa e chiede amore.
Ma cosa vede?…
Guerra,…Distruzione,…egoismo
e rancore
Si volge al sole
e chiede
<Dove è andato a finire il candore?>

E il sole risponde
<Cerca ancora che lo trovi…
Guarda bene dentro ai cuori,
e vedrai fiorire l’ amore>
 
M.G.
 
 
PACE

Senza egoismo,
senza cattiveria e rancore
senza distinzione nè di razza nè di colore.
Ma stare insieme
con complicità, sincerità, lealtà,
amicizia e amore
M.G.
 
 

DIVERSO

 

 

 

Parola che scotta la lingua: egoismo.

Parola che brucia la bocca: razzismo.

Tra tante parole simpatiche e belle

razzismo e egoismo son certo sorelle.

 

Due brevi parole, due squallidi mali:

voler che i diversi diventino uguali.

“Diversa cultura, diverso colore,

diversa la razza, diverso l’odore…

 Mi danno fastidio, cacciateli via:

la terra che pestano, in fondo, è la mia

e se c’è qualcuno che stare qui osa

deve essere uguale!” – Ma uguale a che cosa?

Diverso è ricchezza, non certo un delitto:

la terra è di tutti, l’ho detto e l’ho scritto.

“Non ho mai sentito una cosa più sciocca:

non dire scemenze e chiudi la bocca!”

L’assurda pretesa che tutto sia uguale

vi rende la vita noiosa e banale.

Aprite le porte, aprite la mente:

diverso è più allegro, è più divertente!

Volete che il mondo sia senza colori,

sia grigio di dentro e grigio di fuori,

perciò io concludo con l’ultimo verso:

evviva i colori, evviva il diverso!

 Elio Giacone

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 459 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: