Poesie per HALLOWEEN

Le origini di Halloween
Tutto è cominciato con i Celti,l’ antica popolazione che abitava l’ Irlanda circa duemila o tremila anni fa.
I Celti erano principalmente pastori, scandivano il tempo secondo i ritmi stagionali e dai cicli imposti dall’ allevamento del bestiame
Alla fine dell’ estate i pastori riportavano a valle le graggi e si preparavano all’ arrivo della stagione fredda celebrando Oìche Shamhna (fine dell’ estate)
I festeggiamenti avevano inizio il 31 ottobre, che per loro rappresentava la fine della bella stagione e di conseguenza anche dell’ anno
Tale festività era la più importante per i Celti, perchè aiutava ad escorcizzare l’ arrivo dell’inverno e dei suoi pericoli,univa i componenti della comunità ed aveva il significato di propiziare la benevolenza della divinità
I colori che caraterizzavano e caratterizzano tutt’ oggi la festa, utilizzati per addobbi e costumi, sono l’ arancio della mietitura ed il nero del buio inverno
Il tema principale della festa, in sintonia con ciò che stava avvenendo in natura, era la morte
In questo giorno si credeva che Samhain, il signore della Morte , chiamasse  a sè tutti gli spiriti dei morti, facendo sì che l’aldilà si fondasse con il mondo dei vivi e permettendo agli spiriti di vagare indisturbati sulla terra
Così per evitare visite sgradite, i Celti rendevano le loro case fredde  ed inospitali spegnendo i fuochi che bruciavano nei camini, indossavano orribili costumi e si mascheravano in modo spaventoso, in modo da impaurire gli spiriti che altrimenti si sarebbereo potuti impossessare di loro.
Questa usanza si tramandò nel tempo e quando gli Irlandesi, in seguitoalla carestia del 1845, abbandonarono il loro paese per dirigersi in America, portarono con sè le loro usanze e leggende
In America la festa di Halloween divenne festa  nazionale, modificando e aggiungendo piccoli particolari
Piano piano la festa si è diffusa anche in altre parti dell’ Europa
 
 
 IL DISPETTO
Bussa alla porta…..
ma cos’è un dispetto?
una voce parlotta:
Dolcetto o Scherzetto?
Oddio che paura,
è entrato un fantasma!
cos’è una sciagura?
mi ha tirato del plasma
Mamma mia per carità
questa non è un anotte bella…
per mandarlo via di qua
diamogli dei dolci e una caramella!
ILARIA LUCARONI
DOLCETTO O SCHERZETTO?
Dolcetto o scherzetto? è la frase di rito che i bambini americani recitanodopo aver bussato alle porte dei vicini.
Questa usanza ha origini in Europa, nel secolo IXd.c.,dagli inglesi veniva chiamata Souling,cioè “elemosina delle anime”
Infatti a quel tempo i Cristiani vagavano di villaggio in villaggio chiedendo come elemosina il “pane dell’ anima” un dolcetto di forma quadrata fatto di uva passa, in cambio promettevano di pregare per le anime dei defunti
I bambini di oggi ricevono dolcetti vari, caramelle, torte salate, liquirizia e tanto altro, mentre da bere ricevevano succo di mela.
La filastrocca che i bambini intonano quando viene aperta loro la porta
IN INGLESE                                                                                                                      IN ITALIANO
TRICK OR TH REAT                                                                                         Scherzetto o dolcetto
SMELLMY FEET                                                                                                  se non vuoi un dispetto
GIVE ME SOMETHING                                                                                      qualcosa mi devi dare
GOOD TO EAT!                                                                                                  Che sia buono da mangiare
Biscotti di  Halloween
Ingradienti
OCCORRENTE
3/4 di tazza di noci tritate
 tazza di burro sciolto
1/2 tazza di zucchero in polvere
1/2 tazza di farina
1 bustina vanellina
1/4 di cucchiaio di sale
zucchero in polvere
Utensili
-Schiaccianoci
-terrina
PREPARAZIONE
-Facciamo tritare le noci con il matterello ai bambini
-Invitiamoli a mescolare noci, zucchero e vanellina
-Aggiungiamo lentamente farina e sale
-Mettiamo in frigo per 1 ora
_Diciamo ai bambini di fare delle palline
-facciamole rotolare le palline nello zucchero
-Mettiamolo nella teglia ed inforniamo per 30 m.a 150°C. circa
-Serviamo i biscotti semicaldi
LAVORETTO
OCCORRENTE
  • Tovaglioli di carta
  • Ovatta
  • Nastrino

Aprire il tovagliolo

Mettere al centro un batuffolino di ovatta(testa)

Legare con il nastrino
Disegnare Occhi, bocca ,naso
Il fantasmino è pronto per essere appeso fuori porte
                                                                                                   Home

rispondi

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s