0

Decorazioni e addobbi invernali

Completate le schede didattiche della FATINA DELLE NEVI la fatinae

l’ angolo invernale con pinguini, pupazzi di neve sciatori , con paesaggio invernale e con tanti fiocchi di neve. 

pinguini casettttt pupazzi sciatori addobbo inveno 2015

fiocchi di neve
Tutto il percorso invernale è accompagnato dalla poesia di Rosa Marra L’ inverno

L’inverno
(Rosa Marra)
Cappello e sciarpa,
cappotto e guantini,
vestiamoci bene
o battiamo i dentini.
Con il freddo e con la neve
viene l’inverno, eccolo qua
ma regala a tutti quanti
frutta e feste in quantità:
mandarini e clementine,
per la gioia dei bambini,
belle arance, gialli limoni,
quante spremute per i bimbi buoni!
Per la festa di Natale
un Bambino nascerà.
E l’allegro Carnevale
tanti scherzi ci farà.

0

Poesie sull’ inverno

NEVE CHE INNAMORA

I fiocchi scendono
Lentamente,
questa
è l’unica cosa
che sorge nella mente,
ma se ci metti il tuo cuore
vedrai la neve che scende con amore,
vedrai neve sulle montagne,
ma anche nelle campagne,
vedrai bimbi e persone
liberi, incantati
liberi e innamorati.

Tommaso Bragazza
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

FELICITA’ DI NEVE

Fiocchi di neve scendono dal cielo
E coprono di bianco il mondo intero
Tanti bambini dai volti felici
Giocano insieme,
giocan come amici

Ecco la neve che cosa fa,
porta tanta felicità.

Rebecca Pisani
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Il gatto inverno
Ai vetri della scuola, stamattina
L’ inverno strofina la sua schiena nuvolosa
Come un vecchio gatto grigio:
Con la nebbia fa i giochi di prestigio,
e le case fa sparire e ricomparire;
con le zampe di neve imbiancail suolo
e per coda h un ghiacciolo….
Si signora maestra,
mi sono un po’ distratto:
ma per forza,con quel gatto
con l’ inverno alla finestra
che mi ruba i pensieri
e se li porta in slitta
per allegri sentieri
Gianni Rodari
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Bella è la neve bianca
Meraviglioso gioco:
ma non se il tetto manca,
ma non se manca il fuoco.
Avventuroso è il vento,
per vele ed aquiloni:
ma non se il fuoco è spento,
o rotto gli scarponi.
Le stelle su nel cielo
Che visione stupenda:
ma non se sei nel gelo
e dormi in tenda
Pimini,Castelli,Caviezel
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Nevica
A larghi fiocchi
Cade la neve
Dal cielo in terra
Candida e lieve.
Bianco tappeto
Fa per le strade,
sui rossi tetti
morbida cade.
Tutto arrotonda,
tutto ammodella,
agguaglia tutto
la neve bella….
Silenzio e pace!
Cade la neve,
sui rossi tetti,
morbida e lieve
Olindo Grossi mercanti

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Pastello del tedio
Dal grigio della nebbia
Fitta fitta
Traspaiono cipressi
Ombre nere
Spugne di nebbia.
E di lontano dondolando lento
Ne viene un suono
Di campana quasi spento.
Più lontano lontano
Passa un treno
mugghiando
Aldo Palazzeschi
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

La neve
Viveva in una nuvola
Come una gatta in soffitta:
stanotte, zitta zitta
la neve è caduta giù.
Cosa diranno i bambini
A vederla già morta
Sui gradini della porta.
Come un povero caduto lì?
Aveva freddo e nessuno l’ aprì
Renzo Pezzani
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Comignoli freddolosi
Or che la neve ha coperto
d’ un manto i campi e i prati,
i comignoli sul tetto deserto
sono contenti di stare aggruppati:
L’ uno all’ altro vicini,
si sussurrano parole di attea;
aspettano che giù nei camini
un po’ di legna venga accesa.
E, quando una nuvoletta
Di fumo s’ alza e si accinge a volare,
sospirano:”Va’!
cerca in fretta la primavera,
e falla tornare !”
Luigi Ruber
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Canzonetta del freddo
Stasera pure il vento
Si vorrebbe scaldare
Implora il suo lamento
Ad ogni casolare:
non ho più fiato
per proseguire
sono freddo gelato,
mi par di morire;
Svegliate il fuoco
che mi riscaldi un poco.
La fontanella che è rimasta sola
a recitare la filastrocca
in mezzo alla piazzola
si sente la parola
gelare sulla bocca.
Se il fuoco è spento
e pure il vento
di freddo geme,
la fontanella teme
per quella cosa viva
ch’è la sua acqua sorgiva.
Balbetta
dalla paura stretta
con voce piana
più piana,
lontana,
e poi rimane zitta e sola
con un zipolo di ghiaccio in gola
Ignazio Drago
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

L’ omino di neve
Guardate che caso,
non ha più naso:
Vorrei imitare
Questo paese adagiato
Nel suo camice
Di neve.
E ha solo un orecchio:
in un giorno di sole
è diventato vecchio!
Chi gli ha rubato un piede?
E’ stato il gatto,
bestia senza tatto.
Per un chicco di
Gallina gli becca una mano.
Infine, per far festa,
bambini gli tagliano la testa.
Gianni Rodari

Altre poesie