Poesia per la mamma di Eduardo De Filippo

Mamma mia

Mamma mia, te tengo attuorno
d’ ‘a matina nfin’ a sera;
vierno pare Primmavera
mò ca staje sempre cu me.

Si fa viento tu me parle,
mmiez’ ‘o mare sento: “Figlio!”.
Si me serve nu cunziglio,
dint’ ‘o scuro viene tu.

Mamma mia, mamma mia bella…
Quanta vote penzo a quanno
se pò dì ca dint’ a n’anno
ce vedevemo sì e no!

Giuvinotto me sentevo
capuzziello, preputente…
Te sò figlio overamente
mò ca nun te tengo cchiù.

Eduardo De Filippo (1945)
Altre poesie qui

Poesie per la Mamma

SCHEDA COMPITI 

(da dividersi col papà per rendere la festa della nostra mamma indimenticabile!!!)

Ecco un modo carino per rendere la festa della mamma un giorno da ricordare con gioia, e che potrà raccontare con orgoglio alle sue amiche…

Potete stampare la scheda promemoria dei compiti da svolgere e  spuntare le caselle man mano che avrete provveduto a realizzarle.

 1. Lasciatela dormire fino…

 alle 9  a mezzogiorno  non svegliatela affatto

2. Servitele la colazione:

 A tavola in sala da pranzo  Portatela al bar o in pasticceria  A letto

3. La sua colazione ideale:

 Cornetto e cappuccino  Spremuta d’arancia  Latte 
 Succo di frutta  Caffè;  Tè 
 Brioche  Fettina di torta  Biscotti
 Yogurt  Cereali  Focaccetta

4. Le piacerebbe ricevere:

 L’azalea della ricerca sul cancro  Cioccolatini  Appuntamento dal parrucchiere
 Un profumo  Un disegno del suo bimbo  Un mazzo di fiori
 Un bacino da papà e uno dal suo bimbo

5. Sentirsi dire ogni tanto una di queste frasi non fa male:

 Ti voglio bene  Sei la migliore mamma del mondo
 Sei bellissima oggi  Come posso aiutarti?

6. Le dimostrazioni di affetto più gradite:

 Baci  Abbracci  Sguardi dolci
 Tenersi per mano  Tutto quanto  

7. Se dovesse descrivere una perfetta Festa della Mamma, direbbe:

 Oggi nessuno si è lamentato o ha fatto capricci  Ho potuto fare tutto quello che volevo
 Ho ricevuto tutto ciò che desideravo  Non mi sono mai arrabbiata
 Non ho dovuto insistere perchè tutti mi aiutassero  Mi sono sentita una regina

8. Il bigliettino per la festa della mamma deve essere:

 Un bigliettino fatto in casa dal suo bimbo  
 Un bigliettino con una poesia o una frase  originale del papà  
 Un bigliettino dolce acquistato in cartoleria   

9. Un piacevole pomeriggio nella Festa della Mamma:

 Una passeggiata con tutta la famiglia  Uscire la sera a prendere un gelato
 Andare tutti al cinema  Noleggiare il suo film preferito
 Cantare o ballare tutti insieme  Farle fare un giro in centro per negozi

10. Per renderla felice può bastare poco…. aiutarla nelle faccende domestiche con l’aiuto di papà:

 Spolverare i mobili  Rifare i letti 
 Riordinare la stanza  Apparecchiare la tavola facendole trovare una rosa 
 Lavare i piatti (per una volta si può fare vero papà?)
 Spazzare per terra

   La scatola dei segreti

CLICCA, STAMPA E COLORA

 

Poesie per la festa della mamma

Mamma mia

Mamma mia, te tengo attuorno
d’ ‘a matina nfin’ a sera;
vierno pare Primmavera
mò ca staje sempre cu me.

Si fa viento tu me parle,
mmiez’ ‘o mare sento: “Figlio!”.
Si me serve nu cunziglio,
dint’ ‘o scuro viene tu.

Mamma mia, mamma mia bella…
Quanta vote penzo a quanno
se pò dì ca dint’ a n’anno
ce vedevemo sì e no!

Giuvinotto me sentevo
capuzziello, preputente…
Te sò figlio overamente
mò ca nun te tengo cchiù.

Eduardo De Filippo (1945)

MADONNA DI MAGGIO

Se batti alla porta del Cielo
con la tua preghiera,
subito t’apre la Madonna
con mano leggera.

E dice: ” Ti son mamma anch’io;
che cosa vuoi, piccino?
T’ascolto, sai; ti voglio bene
come al mio Bambino”.

Poi reca i tuoi pensieri buoni
ai piedi del Signore,
mentre sale l’odor di rose
dai giardini in fiore.

http://www.mammaebambini.it/poesie-preghiere-e-testi/festa-della-mamma-2/

………………………………………………………………………………………………………………………

Maggio di Teresah

« Viva maggio, mese d’oro! »
Canta il coro
degli uccelli
pazzerelli
sulle gronde
tra le fronde;
« Viva maggio, mese d’oro! »
« Viva maggio, mese bello! »
Canta il bimbo
ridarello,
con le rose più odorose,
le ciliegie
saporose…
« Viva maggio, mese bello!»

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

La mamma
di Martina

 

La mamma è la persona
Che ti vuole bene sempre,
che tutto da’, senza nulla chiedere.
Ti coccola e ti rimprovera,
ti sprona e ti consola nella tristezza.
Ti da’ i baci prima di dormire
Ti ascolta e sorveglia il tuo sonno.
Mamma per me sei tutto,
appaghi ogni mio desiderio.
Voglio stare con te sempre

 

 

………………………………………………………………………………………..

Alla Mamma
di Eleonora

Mamma, sei una persona speciale.
Severa, ma affettuosa,
pronta a perdonare e lodare.
IL tuo cuore è grande
grande come il mare;
come il cielo sereno
è il tuo sorriso;
il tuo cuore è un porto sicuro
contro i mali della vita.

  ………………………………………………………………………………………..

 

MADONNINA

 MADONNINA

T’ ho portato un fiorellino

che trovai lungo il cammino;

lo raccolsi solo per te.

E’ un foretto appena aperto

che ti piaccia sono certo,

così umile com’è

Or ti prego, Madonnina,

per il babbo e la mammina

per chi vive intorno a me.

La mia casa benedici,

la mia scuola e i miei amici,

e chi affida il cuore a te

(R. PEZZANI)

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

 

AVE

Nella valle piccolina

sta una dolce Madonnina;

la salutan gli uccellini,

le campane e i bambini.

la saluta anche il mio cuore:

“Ave, o mamma del Signore,

benedici la mia vita,

fammi buona e così sia”:

(HEDDA)

  ………………………………………………………………………………………..

 

LA MADONNA

La Madonna bella e buona

sotto i piedi tien la luna;

La Madonna buona e bella

sopra il capo ha una stella;

una stella di splendore

che sorella par del sole.

(ANONIMO)

  ………………………………………………………………………………………..

 

MAMMA

 GIACOMO PARILLO

 

Tu che me mbarat a camminà
Mo’, m taggia scurdà.
Tu t preoccupav si m riv nu cucchiariell cucente
Mo’ t s’affligge u core sul si teng nu mal e dente,
Mo’ me fatt ruosso cu tanta stient
So passat sti iuorni comm’a nient
Ce simm spartut e stamm luntani
Ma i te penso sul guardenno i mani.
I me risollevo pur cu i muorzi chiù amar
Pecchè “mamma” è a parola chiù car,
Ne puonn esse cient e te tarttano cu bianchi guant
Ma e mamma ce ne sta una sultant.
Si a mamma e una sola!
Curva, Storta o comm sia
A mamma chiù bella e chiù cara è a mamma mia!

………………………………………………………………………………………..

 PER LA MIA MAMMINA

 di  TOTO’

Si fosse n’auciello

Si fosse n’auciello

ogni matina vurria cantà

ncoppa ‘ fenesta  toia:

“Buon giorno mamma mia,

bungiorno, ammore!!!..

Pò vurria zumpà

ncoppe ‘e capille

e,hianu chianu,

comme na’ carezza

  stu beccuccio

accussì piccirillo

  mme te mangiasse ‘e vase a pezzechillo…
si fosse nu canario o nu cardillo

  ………………………………………………………………………………………..

A cchiù sincera

Tengo na ‘nnammurata

ca è tutt’ ‘a vita mia.

Mo tene sittant’anne, povera mamma mia!
Cu chella faccia ‘e cera,
sotto ‘e capille janche,
me pare na sant’Anna
cu ll’uocchie triste e stanche.
Me legge dint’ ‘o penziero,
me guarda e m’anduvina
si tengo nu dulore
si tengo quacche spina.

TOTO’

 ………………………………………………………………………………………………………………………………

‘A mamma

 Nun è maj fredda a casa addò stà ‘a mamma
che cu nà carezza te scarfa e te cunsola
e cò calor suoje te scarfe pure ‘o core.
Quanne te sient triste, sule e abbandunato
te piglia cù na mano
e mentre te guarda dint a l’uocchie suje
mille raggi ‘e sole
che te danno a forza pè putè campà.
‘A mamma…
comme sone bell ‘mmocca stà parola…
‘a tengo e ‘a facio intussecà!

pecche’ l’amore e mamm’ e na’ ricchezz

E’ com o mar nun fernesce mai.

Pur l’omm chiù trist e malament.

Semp’ buon’ si vuo ben a’ mamm’

A’ mamm’ tutt da e nient cerch.

Ma si te vede chiagnere…

senza sapè ò pecché

t’abbracc’ e dice figlio:

ie chiangne ‘nziem à te.

 Fon te -Dal web-

 

 ………………………………………………………………………………………..

 

 

Mamma mia che vò sapè,
(Russo, Nutile – 1909)

Ah, nun mme fá murí.
Tu che ne vuó’ da me?
Mamma mia mme vène a dí pecché
chesta smánia nun mme vò’ lassá.
Ah, nun mme fá murí.
Tu che ne vuó’ da me?
Mamma mia che vò’ sapé?
Mamma mia ch’ha da appurá?
Nun mme fido d’ ‘a vasá.

Mamma mia, ‘sta vicchiarella,
ca mme guarda pe’ gulío
e andivina ‘o core mio,
tale e quale comm’a te.
Mamma mia mme vène appriesso
cu na faccia ‘e cera fina,
e mme guarda e nn’andivina
chesta freva mia ched’è.

  Ah, nun mme fá murí.
Tu che ne vuó’ da me?
Mamma mia nun pò capí pecché
chesta smania nun mme vò’ lassá.
Ah, nun mme fá murí.
Tu che ne vuó’ da me?
Mamma mia te sape a te
comm’a n’angelo ‘e buntá.
Mamma mia ch’ha da appurá?

 

TRADUZIONE

Ah, non farmi morire.
Tu che vuoi da me?
Mia mamma viene a dirmi perchè
questo desiderio non mi vuole lasciare.
Ah, non farmi morire.
Che vuoi da me?
Mia mamma che vuole sapere?
Mia mamma cosa vuole appurare?
Non ho voglia di baciarla.
Mia mamma, questa vecchietta,
mi guarda per desiderio
e interpreta il mio cuore,
proprio come te.
Mia mamma mi viene dietro
con una faccia di cera fine,
e mi guarda e non indovina
questa mia smania cos’è.

Ah, non farmi morire.
Tu che vuoi da me?
Mia mamma non può capire perchè
questo desiderio non mi vuole lasciare.
Ah, non farmi morire.
Che vuoi da me?
Mia mamma ti conosce
come un angelo di bontà.
Mia mamma cosa deve appurare?

 

 ………………………………………………………………………………………..

 

 

Mamma

 

Mamma mia tu dice semp:

“Fa o’ brav, famm cuntent!”

Allor je pens’ eddic:

“Si tenesse tanta sold

t’ accattass oro e brillant,

int’ ana villa co’ ciardin

te facess fa a’ riggina.

Ma mo so piccirill

e sold nu’ ne teng

te done nu vasill

e te facc’ cuntent,

e po te dic, mamma mia

tu si a riggina da vita mia!”

 

  dal web

………………………………………………………………………………………..


Persone male informate
O più bugiarde del diavolo
Dicono che tu sei nato
Sotto a una foglia di cavolo!

Persone male informate
O più bugiarde del diavolo
Dicono che sono nato
Sotto a una foglia di cavolo!

Altri maligni invece
Sostengono senza vergogna
Che sei venuto al mondo
A bordo di una cicogna!

Altri maligni invece
Sostengono senza vergogna
Che sono venuto al mondo
A bordo di una cicogna!

Se mamma ti ha comperato
Come taluni pretendono
Dimmi: dov’è il negozio
Dove i bambini si vendono?

Se mamma mi ha comperato
Come taluni pretendono
Diteci: dov’è il negozio
Dove i bambini si vendono?

Tali notizie sono
Prive di fondamento:
Ti ha fatto la tua mamma
E devi essere contento!

Tali notizie sono
Prive di fondamento:
Mi ha fatto la mia mamma
E sono molto contento!
Tali notizie sono
Prive di fondamento:
Mi ha fatto la mia mamma
E sono molto contento!
E sono molto contento!

Gianni Rodari

………………………………………………………………………………………..

Auguri mamma

Se io fossi, mamma, un uccellino

che vola nel cielo profondo vorrei

offrirti il mio canto più dolce, soave, giocondo.

Se io fossi, mamma, una stella

che brilla nel bruno firmamento

con more e baci a cento a cento.

Ma essendo solo un bambino

e non avendo che il cuore,

ti voglio stare vicino

per dirti tutto il mio amore

 (da “Raccogli idee” ed.Tresei scuola)

………………………………………………………………………………………..

Ho fatto un mazzolino

Ho fatto un mazzolino,

coi fiori del giardino,

li ho colti stamattina,

insieme al mio papà.

Sono i fiori per la tua festa,

cara mamma eccoli qua.

Una rosa perchè ti voglio bene,

una viola perchè sarò ubbidiente,

un papavero, non so perchè,

un non ti scordar di me.

Un mughetto insieme ad un gelsomino,

da quest’oggi sarò sempre più buono,

una primula vuol dire che,

il primo pensiero sei per me.

Qualche ciclamino,

perchè dimentichi che sono biricchino

 un girasole, una margherita,

perchè tu sei il fiore della vita.

(dal Web)

………………………………………………………………………………………..

Il mio bene

Ti voglio bene mamma…come il mare!

Non basta: come il cielo!

No, più ancora.

Mamma, ci penso già quasi da un’ora

eppur quel nome non so trovare.

Il nome di una cosa grande grande

che ci sta dentro il bene che ti voglio.

Una balena, forse, o un capodoglio.

Oh, mamma, non mi far tante domande.

So che quando ritorno dalla scuola

i gradini li faccio a rompicollo

per l’impazienza di saltarti al collo,

e il cuoricino, puf,

mi balza in gola.

Ti voglio bene quando sei vicina

e quando non ci sei:

quando mi abbracci:

ti voglio bene anche se mi sculacci.

Sei soddisfatta,

adesso, o no, mammina?

(Lina Schwarz)

 

L’isola sicura

Se di notte hai un po’ di paura

c’è sempre un’isola che è sicura.

Se il male ti tiene sveglio

vai nell’isola e stai già meglio.

Se  al mattino presto

ti desti a ruzzolar nell’isola resti.

Se nel cielo balena un lampo,

vai nell’isola e trovi scampo.

(da “Raccogli idee” ed.Tresei scuola)

Per tutti i bimbi alti una spanna

isola grande è il lettone della mamma.

Una telefonata

 

Mamma amata,

mamma adorata

ho per te una telefonata.

Quante parole avevo trovate,

le avevo in mente se ne sono andate!

Ora le sento nel mio cuoricino,

se vuoi udirle, fatti vicino!

Son grandi, son troppe

e non le so ridire.

Poggia l’orecchio al petto

e stai a sentire… Senti?

Lo senti quanto bene ti voglio?

Allora tieni bene la cornetta

e…non fare imbroglio.

(da “Raccogli idee” ed.Tresei scuola)

Alla mamma

Oh, mamma scusami

se mi confondo perché è da poco

che sono al mondo!

Accetta questi fiori che oggi

ti dono con la promessa

di essere buono.

(da “Raccogli idee” ed.Tresei scuola)

 

PER LA MIA MAMMINA

 

Si fosse n’auciello

 

Si fosse n’auciello

ogni matina vurria cantà

ncoppa ‘ fenesta  toia:

“Buon giorno mamma mia,

bungiorno, ammore!!!..

Pò vurria zumpà

ncoppe ‘e caille

e,hianu chianu,

comme na’ carezza

 

stu beccuccio

accussì piccirillo

te resse tanta vase a pzzichilli

…..Si fosse nu canario….

… o nu cardillo

 

A’ Mamm’

Chi ten a mamm’ è ricch è nun ò sap’

È felic e nun l’apprezz

pecche’ l’amore e mamm’ e na’ ricchezz

E’ com o mar nun fernesce mai.

Pur l’omm chiù trist e malament.

Semp’ buon’ si vuo ben a’ mamm’

A’ mamm’ tutt da e nient cerch.

Ma si te vede chiagnere…

senza sapè ò pecché

t’abbracc’ e dice figlio:

ie chiangne ‘nziem à te

Salvatore Di Giacomo 

 

Mamma

 

Mamma mia tu dice semp:

“Fa o’ brav, famm cuntent!”

Allor je pens’ eddic:

“Si tenesse tanta sold

t’ accattass oro e brillant,

int’ ana villa co’ ciardin

te facess fa a’ riggina.

Ma mo so piccirill

e sold nu’ ne teng

te done nu vasill

e te facc’ cuntent,

e po te dic, mamma mia

tu si a riggina da vita mia!”

 

 

‘A Mamma

Armando Torre

Chi tene ‘a mamma sì ch’ è furtunato,

pecché ‘na mamma vale nu tesoro

nun ‘mborta ca tenesse pate é ssore

à mamma é n’ata cosa,

‘na cosa eccezzionale, difficele a spiegá.

Essa ca sempe veglia, essa ca spia sempe
essa ca sape tutto, senza l’addumanná.

‘A mamma è na gendarma ca patria nun pó dá,
e quanne sta’ in pericolo a primma che si chiamme
é sempe chella llá.

‘A mamma é na putenza a nun puté emitá,

a mamma na sapienza ca l’arte nun pó fá.

 

 

HOME